Call: 3933865235 | Email: info@dna7akashico.it

Divenire consapevoli di chi si e' e della Coscienza del Se'

Come gestire la propria paura?


Domanda: in che modo gli esseri umani possono gestire la propria paura?
Confucio
Vi riferite a una paura particolare o e` una domanda generica?
…generica.
Confucio:
Fra di voi e` molto diffusa la cosiddetta angoscia esistenziale.

Ci sono anche altre forme di paura, ma oggi parleremo di questa.

Molte persone sono entrate in rapporti di dipendenza, prodotti perlopiù dai loro pensieri.

Con i pensieri creano le realtà e hanno, quindi, l’angoscia costante di poter perdere determinate cose o di vedere il loro standard di vita sgretolarsi e disintegrarsi.

Si creano per paura delle sicurezze apparenti che rendono ancora più forte il loro rapporto di dipendenza.

Credono, per esempio, che sia importante avere un posto fisso e un buono stipendio, disporre sempre di denaro per i pagamenti rateali e per tutti gli articoli di cui “hanno bisogno”.

E in questo modo ha inizio il circolo vizioso.

A causa del timore di poter, un giorno, avere meno di oggi, producete delle energie future cariche di paura e stabilite delle priorità rispetto a ciò che ritenete importante e a ciò che intendete evitare.

Che cosa vi spinge a compiere queste azioni?

La gioia di vivere o la paura?

Solo in un secondo tempo vi capita a volte di accorgervi che certe cose non sono poi cosi`. importanti e che ne esistono altre ben più preziose.

Molti si creano nella vita delle esperienze personali per far vacillare queste priorità:

per esempio, potrebbero sperimentare come, dopo aver accumulato un bel po’ di denaro nel corso di un’esistenza dedicata al lavoro, una persona cara si ammali e loro non possano farci niente nonostante tutti i loro soldi.

Esperienze di questo genere dovrebbero indurvi a mettere in discussione le vostre convinzioni.

La vita non comincia con la pensione, ma il giorno in cui venite al mondo!

Voi vivete quotidianamente.

Talvolta sembra che non vediate l’ora che arrivi il venerdì. o comincino le ferie, e i più anziani contano i giorni che li separano dal pensionamento.

E questa la chiamate vita?

Dal nostro punto di vista si tratta piuttosto di ammazzare il tempo.

Mettete gli anni di vita piu` desiderabili alla fine dei vostri giorni, come un asino che trotta dietro a una carota.

Eppure potreste decidervi tutti insieme di vivere adesso.

E` la voglia matta di carota che vi fa andare avanti!

Guardate per una volta che cosa vi hanno portato tutti i vostri averi.

Possedere troppo e` anche di ostacolo, perché implica lavoro e obblighi. 

Ve lo spieghiamo con un esempio: mettiamo che possediate la casa in cui vivete e che vi compriate anche un appartamento per le vacanze in un paese lontano perché e` molto conveniente e voi avete in programma di trascorrervi gli ultimi anni della vostra vita. Poi vi viene offerto un bungalow in cui vi piacerebbe trascorrere le ferie.

Il risultato finale e ` che questi tre immobili vi tengono al guinzaglio: non siete più voi a decidere della vostra vita, ma le vostre proprietà! Vi ci recherete regolarmente, metterete in ordine e tutto il resto, perché da lontano la carota vi fa cenno di seguirla.

Sarebbe molto più riposante trascorrere le vacanze in un albergo o in una casa in affitto.

Un eccesso di proprietà si trasforma prima o poi in una zavorra.

Cercate di pensare positivo, osservate quello che già avete ed evitate i pensieri di carenza e di angoscia esistenziale!

Le vostre assicurazioni prosperano sulla vostra paura e ignoranza. Vi fanno credere che dovreste adottare delle misure per i tempi brutti che potrebbero travolgervi in vecchiaia.

Risultato: voi avete i periodi brutti subito e loro hanno i vostri soldi!

Riconoscete la carota in gioco?
Quando lascerete la Terra, non potrete portarvi via nemmeno un chiodo della vostra casa. Porterete con voi il ricordo di questa vita, quella che state vivendo adesso. Saranno ricordi pieni di gioia? Voi tutti contribuite ogni giorno alla qualita` di questi ricordi, rendetevene conto!

Ma avete chiesto come gestire la vostra paura.
La paura e` un’energia che e` sempre rivolta al futuro: nel momento presente la paura non esiste.

Per produrla dovete abbandonare il presente e creare dentro di voi delle immagini di presunta minaccia nel futuro, diversamente non e ` possibile.

Vedete cosa create in questo modo?

Chiedetevi se e` davvero l’obiettivo sommo della vostra vita.

E poi tornate al momento presente: nel qui e ora non c’e ` paura, ma solo sicurezza, amore e soddisfazione per tutto quello che c’e`.

Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *