Call: 3933865235 | Email: info@dna7akashico.it

Divenire consapevoli di chi si e' e della Coscienza del Se'

La cronaca dell’AKASHA


Vi do la benedizione e il benvenuto, è Kuthumi (Maestro Asceso) che parla.

La cronaca dell’AKASHA coincide con la sostanza del cinema olografico, è, per così dire, il film originale, gli avvenimenti originari che sono stati registrati negli “archivi” della Terra.
Per molti, e anche per te, è difficile immaginare che esistano così tanti piani temporali e di realtà.

La Terra ruota intorno al Sole in un’orbita ben precisa e secondo la vostra cognizione di tempo questa rotazione dura circa 26.000 anni. Si tratta dell’orbita temporale, in cui la Terra esiste ovunque a diverse frequenze vibratorie e in tempi diversi.
L’immagine che mi viene trasmessa mostra la Terra in un tubo ellittico attorno al Sole.

In un punto il pianeta Terra è nitido e presenta splendidi colori, e poi ci sono infinite Terre che si differenziano tra loro in minima parte per tonalità di colore, luminosità e nitidezza, e si allineano in cerchio, non l’una accanto all’altra come in una collana di perle, ma spostate di millimetri e incastrate l’Una nell’altra finché non risulta un cerchio completo.

Kuthumi
Potete raffigurarvi i piani di realtà come una collana in cui le singole perle si compenetrano a vicenda. I ruoli proposti nel cinema olografico sono validi per ogni livello vibratorio, per ciascuna “perla”, ragion per cui ogni ruolo è presente più volte.
Supponiamo che in passato abbiate vissuto una vita come Leonardo da Vinci, allora non siete gli unici ad aver diritto a questo nome: ci sono molti altri che assumono e “recitano” questo “ruolo” in una vita.
Mettiamo che siate nati nel 1965 e che al cinema olografico abbiate scelto la vita di “Susi Schmidt”.

Allora vi mettete in lista per questa “parte” e successivamente l’ologramma vi comunicherà quando il ruolo sarà disponibile. Può darsi che i due piani temporali più vicini siano già occupati, il che significa che dovete aspettare. Dunque attendete l’ar-rivo del piano temporale per cui vi siete registrati e che contiene il vostro anno di nascita.

Non è quindi raro che passino uno o due piani temporali e voi possiate osservare co¬me il vostro “predecessore” nasca e cresca sul rispettivo piano temporale. E sapete con precisione che la prossima volta toccherà a voi, sull’orbita temporale che vi siete scelti.

Domanda: nel cinema olografico è possibile assumere qualunque ruolo? Posso im-maginare che ogni musicista desideri avere la parte di Strauss o Mozart e che ci siano migliaia di richieste in questo senso, ma c’è qualcuno interessato al ruolo di donna delle pulizie?

Kuthumi
È per questo motivo che esiste il certificato di abilitazione: ci si aspetta che per il ruolo scelto abbiate anche determinate competenze e conoscenze di base che vanno in questa direzione.

Eccovi un esempio.
Dopo aver vissuto settanta volte nell’età della pietra non potete scegliere una vita da “W.A. Mozart”, non è possibile.

Per questo esiste il codice preliminare.

Il codice preliminare per il ruolo di “W.A. Mozart” prevede, per esempio, che l’interessato conosca il XVIII° e il XIX° secolo, che possieda notevoli conoscenze e doti musicali e sia fornito di facoltà medianiche.

Non è quindi detto che chiunque desideri nascere come W.A. Mozart soddisfi i requisiti necessari per assumere questo ruolo.
E adesso occupiamoci della questione dei ruoli che secondo voi difficilmente vengono assegnati.
Non e affatto così! Da una parte, nel cinema olografico ci sono molti ruoli che trovate “divertenti e desiderabili” e che in seguito giudicherete diversamente dal punto di vista terreno.

Dall’altro, capita a volte che una persona che ha vissuto una esistenza molto faticosa scelga un’incarnazione in cui si può riposare, in cui i suoi doveri sono limi¬tati e le vengono garantite determinate sicurezze, e così sceglie per esempio una vita da casalinga.

E può darsi benissimo che facendo le pulizie questa casalinga si guada¬gni qualcosa in più, come direste voi. Si tratterebbe in un certo senso di un ruolo che promette un po’ di riposo fra due incarnazioni faticose.
Inoltre, una persona è predestinata per certi ruoli a causa della sua impronta.

Se adesso un individuo è portato a nutrire fortissimi sentimenti di sacrificio, ben difficilmente s’incarnerà in una famiglia reale che desidera un erede al trono che rappresenti in pubblico l’autorità e il potere.
Quello che una persona si porta dentro per via delle sue convinzioni sulla vita e del modo in cui impiega o trattiene dentro di sé la propria energia, è una specie di codice.

E questo codice stabilisce anche quali sono i ruoli che potrebbero far progredire quella persona, di modo che un certo programma attivo in lei possa essere terminato o trasformato.

Obiezione: il potere non mi è mai interessato.

Kuthumi
Dipende dal valore che si dà a questa parola.

Per alcune persone il termine potere ha una connotazione molto negativa, ma in realtà non è così.

La parola “potere” implica la capacità di fare, cioè l’essere in grado di realizzare e attuare qualcosa autonomamente.

Le persone per le quali questo termine ha una connotazione negativa tendono a tenersi lontane dal potere e preferiscono restare in un rapporto di dipendenza.

Scelgono un ruolo subordinato perché così facendo ri-tengono di avere meno responsabilità e proiettano volentieri la responsabilità all’esterno, perché questo permette loro di raccontarsi di non avere nessuna colpa se le cose vanno in un certo modo.

E invece è evidente che non sono innocenti! Dal nostro punto di vista il potere, il potere personale, è molto positivo. E ogni individuo è responsabile della propria vita, che lo sappia o meno.

Siate benedetti, è Kuthumi che vi ha parlato.

Domanda: i piani temporali per me sono ancora un mistero. Potresti fornire una spiegazione più chiara?

Confucio
Vi do la benedizione e il benvenuto, è Confucio che parla.

È difficile capire i piani tempo¬rali quando si è incarnati in un corpo e ci si trova nel mondo materiale, cioè su un piano temporale.
Ciò che in questo momento sperimentate come realtà, come piano temporale, è asso¬lutamente reale per voi, ma in verità vi trovate all’interno di un ologramma grande e potente, di nome Terra. E avete deciso collettivamente di interpretare l’anno 2002, proprio come avete interpretato gli anni precedenti a questo.
Quando ci si trova nella materia, non si riesce tanto facilmente a rendersi conto dell’e-sistenza di questo ologramma. Tutto è straordinariamente reale, autentico, potete toccare le cose che vi circondano, vi accorgete di come state invecchiando e per voi al momento non esistono altri piani temporali.

Ma non appena abbandonerete la materia noterete che c’è un’infinità di piani temporali:

  • l’età della pietra,
  • i continenti che ritenete inabissati,
  • il Medioevo e numerose versioni della cosiddetta “età moderna” sono sperimentabili quanto l’orbita temporale da voi scelta.

Come già illustrato, nel cinema olografico scegliete tre cose: tempo, luogo e persona, fermo restando che tempo e luogo costituiscono la prima scelta. ù

Mettiamo che abbiate scelto il 1750 e Parigi.

Dopo di ché entrate nel film, scegliete un personaggio che vi piace e ne seguite il percorso a ritroso.

È possibile che a un certo punto decidiate che non fa per voi.

Allora scegliete un altro personaggio, e questo processo va avanti finché ne trovate uno di vostro gradimento e i vostri prerequisiti coincidono con il codice del ruolo proposto.

Potete immaginare l’offerta dei ruoli come un’enorme opera teatrale in cui ciascuno sceglie la propria “parte”.

In un certo senso scegliete voi stessi. ≪Se nascessi in questo luogo e in quest’epoca, che ruolo mi piacerebbe recitare?≫, è più o meno quello che vi chiedete.

Giunge poi il momento in cui v’impegnate ad assumere un ruolo, cioè vi mettete in lista per la parte che avete scelto. In questo modo la questione è risolta. Non appena si avvicinerà un piano temporale in cui recitare questo ruolo verrete al mondo.

E tutto a un tratto vi troverete nel bel mezzo della recita, quella che avevate visto al cinema olografico.

Domanda: c’èun punto che non mi è ancora chiaro. Hai fatto l’esempio di Mozart: significa che sono molti a ricoprire questo ruolo?

Confucio
Sì, ci sono molte persone che scelgono lo stesso ruolo e nascono una dopo l’altra nei vari piani temporali. Rimaniamo all’esempio di W.A. Mozart.

Prima che il vostro piano temporale registrasse l’anno 1756, c’erano già stati dei Mozart, e dopo di voi ce ne sono stati altri.

Ogni qualvolta un piano temporale si avvicina al 1756 nasce un nuovo Mozart.

Va comunque tenuto conto che il 1756 è di secondaria importanza, poiché probabilmente altri piani temporali calcolano il tempo in maniera diversa o hanno iniziato a contarlo in un altro momento.

Il fatto è che il ruolo di Mozart esiste nella cronaca dell’AKASHA, e su ogni piano di realtà c’è una persona che decide d’incarnarsi come Wolfgang Amadeus Mozart.

Non è che tutti questi Mozart ottengano lo stesso tipo di successo: certi sono diventati più vecchi del Mozart del vostro piano temporale; altri non hanno avuto il medesimo successo pur essendo anche loro musicisti, perché a causa della loro natura hanno dato più importanza alla sicurezza. Il modo in cui la personalità plasma la propria vita varia da individuo a individuo. La parte è contenuta nel cinema olografico e viene recitata in moltissimi modi diversi.

Domanda: quello che ancora non capisco è come mai se continuano a nascere dei Mozart, non ce ne sono altri divenuti famosi.

Confucio
Moltissimi sono diventati celebri, ma in altri piani temporali. In questo momento vedi le cose in modo sbagliato. Nella vostra storia sta scritto: W.A. Mozart nacque nel 1756.

Punto, finito. Al momento hai solo una visione parziale.
Anche in altri piani temporali che vibrano a un’altra frequenza si verificano processi storici.

E forse il Mozart nato in un altro piano temporale non è un famoso “enfant prodige” come quello del vostro piano temporale, ma ha ottenuto il successo in età più avanzata. In ogni piano temporale viene scritta una storia leggermente diversa, per il momento desideriamo fornirvi questa spiegazione.

Quella che v’insegnano a scuola è la storia riferita al vostro piano temporale.
In altri piani di realtà la storia può variare leggermente: non può scostarsi com-pletamente dal “film originale”, ma ci sono degli avvenimenti che le danno un’im-pronta diversa.

Eccovi un esempio.
Sul vostro piano temporale la Rivoluzione francese è stata molto violenta. Esistono altri piani temporali in cui la Rivoluzione francese si è conclusa diversamente, dove è stata un piccolo assembramento di persone soffocato sul nascere. E ci sono altri piani
temporali in cui questa rivoluzione non ha comportato spargimenti di sangue, poiché i nobili sono stati comprensivi e hanno invertito la rotta per tempo.

E anche tu che stai leggendo questo libro esisti in vari piani temporali.

C’è una persona più vecchia dite e una più giovane.
Tuttavia, vi trovate su piani temporali diversi e siete separati da diverse frequenze vibratorie. Può darsi che la persona più giovane dite si trovi a un punto della propria vita in cui deve prendere una decisione importante ed è possibile che, pur recitando il tuo ruolo, prenda una decisione diversa da quella presa da te a suo tempo. Ma questa persona è nata da genitori che a loro volta ricoprono questo ruolo anche nel tuo piano temporale, forse per un certo periodo ha vissuto come te, le vostre vite si sono svolte in parte parallelamente.

E ciononostante può succedere che questa persona in determinate situazioni prenda una decisione diversa e si muova in un’altra direzione rispetto a quella seguita da te.
Ora, i piani temporali sono separati da frequenze vibratorie diverse.
I vostri organi di senso sono dotati di filtri e ricevono l’impronta dai vostri genitori, poiché anche loro vivono in questo piano temporale. Per questo motivo i vostri organi di senso sono completamente adeguati al piano temporale in cui vi trovate adesso. E tutto quello che c’è intorno, tutti gli altri piani di realtà, vanno in dissolvenza e non posso¬no essere percepiti da voi. Inoltre, nel vostro piano temporale, quello in cui vi trovate materialmente in questo momento, viene scritta la vostra storia personale che, pur rifacendosi alla cronaca dell’AKASHA, se ne discosta in parte.

La distribuzione dei ruoli è analoga a quella che avviene in uno spettacolo teatrale.
Immaginiamo che il Faust venga rappresentato in un teatro di Dresda, dove ci sono allestimenti scenici, quinte e attori che recitano le singole parti. La stessa opera teatrale viene messa in scena anche a Basilea e pure lì le parti vengono distribuite agli attori, e l’allestimento scenico e il modo di recitare sono leggermente diversi. L’opera, tuttavia, rimane la stessa.
Lo stesso accade con i piani temporali: voi recitate la medesima opera, ma il modo in cui la recitate dipende da voi.

Domanda: quando ci si trova sul piano dei defunti, è possibile osservare come le singole persone recitano il ruolo che anch’io ho appena recitato?
Confucio
Lo potresti osservare, ma probabilmente non ti interesserebbe più di tanto. Una volta abbandonato il ruolo e usciti dal corpo, il “passato” è poco interessante per te.
La tua attenzione si concentra piuttosto su ciò che hai fatto della tua vita, sulle decisioni che hai preso, su quello che ne è risultato e su cosa faresti diversamente oggi.
Ma dal nostro punto di vista non ha senso fare paragoni con altri.

C’è sempre qualcuno che ha recitato questo ruolo in modo diverso.

Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *