Call: 3933865235 | Email: info@dna7akashico.it

Divenire consapevoli di chi si e' e della Coscienza del Se'

LE LEGGI SPIRITUALI


LE LEGGI SPIRITUALI di Vicent Guillem

Titolo originale: ” Las Leyes Espirituales” Autore: Vicent Guillem

N° di registro della proprietà intellettuale: V-2095-08 (Valenza, Spagna) Traduzione dallo spagnolo: Flavia Augugliaro, Rosario Bernal Iniesta, Michele Faelli e Fabio Piccinato.

È permessa la riproduzione totale o parziale di questa opera attraverso tutti mezzi attualmente a disposizione, con l’unica condizione di non farlo con fini di lucro o modificandone il contenuto

Pagina web ufficiale del libro: http://leleggispirituali.blogspot.com

Nota dei traduttori: “Siamo lieti di aver potuto partecipare alla diffusione di questo prezioso messaggio e ci auguriamo che ti possa aiutare lungo il cammino della vita”

INDICE

PREFRAZIONE                                                                                                                   4

INTRODUZIONE                                                                                                               5

PRIMO CONTATTO                                                                                                        11

DIO                                                                                                                                         24

LE LEGGI SPIRITUALI                                                                                                  28

1° Legge: Legge dell’Evoluzione                                                                         29

IL MONDO SPIRITUALE                                                                                                 30

SCHEMA EVOLUTIVO                                                                                                      41

CONFIGURAZIONE DELL’ESSERE UMANO                                                          50

LA REINCARNAZIONE UMANA E IL SUO RUOLO NELL’EVOLUZIONE SPIRITUALE        53

LA COMUNICAZIONE CON IL MONDO SPIRITUALE                                         59

IL PROCESSO INCARNATORIO                                                                                 71

VITA IN ALTRI MONDI                                                                                                    78

2° Legge: La Legge del Libero Arbitrio                                                              92

3° Legge: Legge di Giustizia Spirituale                                                           100

4° Legge: Legge dell’Amore                                                                                    118

AMORE VS EGOISMO                                                                                                     121

LE RELAZIONI PERSONALI E LA LEGGE DELL’AMORE                                  186

LA MALATTIA ALLA LUCE DELLA LEGGE DELL’AMORE                                197

MISSI*NE DI GESU SULLA TERRA                                                                       212

SALUTI                                                                                                                                 248

PREFAZIONE

Il contenuto di questo libro è un messaggio di amore per tutta l’umanità.

Non importa come sia stato ricevuto né chi lo abbia scritto. L’importante è il contenuto del messaggio. Sei libero di farne ciò che vuoi, puoi ignorarlo, criticarlo, censurarlo o perfino applicarlo alla tua vita. Questo è quello che io ho fatto, sebbene abbia attraversato qualcuna delle tappe anteriori.

Perciò ti lascio decidere se il personaggio di Isaia, il mio interlocutore e protagonista di questo libro, sia una strategia letteraria o realmente esista, se il nostro dialogo che troverai esposto nelle seguenti pagine sia esistito o no e in che condizioni si sia realizzato. In ogni caso è certo che sia un messaggio scritto con il cuore e per il cuore, il tuo.

La mia speranza è che ti sia utile tanto come per me lo è stato. Che ti serva per conoscere te stesso, per risvegliare i tuoi sentimenti, per liberarti dal tuo lato egoista, per comprendere la ragione della tua vita, affinché tu comprenda meglio il prossimo arrivando qualche giorno ad amarlo, affinché tu comprenda il mondo in cui vivi, affinché tu possa estrarre perfino dalla più grande disgrazia il miglior vantaggio per la tua evoluzione nell’amore. In definitiva perchè tu sia te stesso, libero, cosciente per sperimentare l’amore autentico, l’amore incondizionato e perciò più felice.

Con tutto il mio amore, per te.

INTRODUZIONE

Mi sono sempre fatto tante domande, domande molto profonde.

Sono domande di quelle che si definiscono esistenziali. Ho sempre voluto sapere il motivo della mia vita, della vita di tutti noi. Chi sono io? Perchè esisto? Perchè esistono gli altri? Cosa facciamo qua? Siamo qua per fare qualcosa in particolare? Perchè nasciamo e moriamo? Da dove veniamo e dove andiamo? C’è qualcosa dopo la morte?

E non finisce tutto qui. Altre volte cercavo una risposta al gran numero di ingiustizie che vedo nel mondo. Perchè la vita è tanto ingiusta? Perchè ci sono bambini, che nella loro vita non hanno fatto male a nessuno, che fin dalla nascita soffrono così atrocemente per fame, guerra, miseria, malattie, abusi, maltrattamenti perchè nessuno li vuole, mentre altri nascono sani, in un contesto felice e sono amati? E perchè alcune persone si ammalano e altre no? Perchè alcune vivono molto tempo e altre muoiono quasi alla nascita? Perchè esiste la sofferenza, la cattiveria? Perchè esiste gente buona e gente cattiva, gente felice e gente disgraziata? Perchè sono nato in questa famiglia e non in un’altra? Perchè succedono queste disgrazie a me e non ad un’altra persona o viceversa? Da cosa dipende tutto questo?

Altre volte erano domande relative ai sentimenti.

Perchè non sono felice? Perchè voglio essere felice? Come posso esserlo? Troverò un amore che mi renda felice? Che cos’è l’amore e cosa sono i sentimenti? Cosa è quello che sento? Vale la pena di amare? Soffriamo di più quando amiamo o quando non amiamo?

Suppongo che anche tu, in qualche momento della tua vita, ti sarai posto queste domande o te le porrai ogni tanto. Però visto che siamo tanto indaffarati nel nostro tram tram quotidiano, sono pochi i momenti in cui ce le poniamo coscientemente ed è poco il tempo che dedichiamo a risponderle. Abbiamo molti impegni e molte distrazioni. E visto che apparentemente non troviamo la risposta e cercarla ci fa sentire inquieti, preferiamo lasciarle parcheggiate in un angolo dentro di noi, forse credendo che così soffriremo di meno.

Esiste una risposta a ciascuna di queste domande? Però non cerco una risposta qualsiasi, ma una risposta veritiera. Esiste una verità? Qual è la verità? Dove si deve cercare la verità? Come possiamo riconoscerla?

lo sono sempre stato una persona scettica, incredula, però allo steso tempo aperta alla ricerca. Mi piace verificare le cose da solo. Ti assicuro che ho cercato per molto tempo la risposta nelle cose che ci hanno insegnato fin da piccoli: le religioni, la filosofia, la scienza. Ciascuna aveva una sua cosmogonia particolare, una forma di intendere il mondo. Però, tanto nelle religioni come nella scienza, mi sembrava che ci fosse sempre un limite nello spiegare la realtà tale come io la percepivo. Ho sempre trovato risposte incomplete, incoerenti le une con le altre, lontane dalla realtà e che continuavano a non rispondere esaurientemente alle mie domande. Per quanto provassi ad approfondire, alla fine mi scontravo contro un muro invalicabile e la risposta finale ostacolava i miei desideri di indagare oltre ed oltre.

La risposta finale che ottenevo dalla religione era più o meno questa: “è la volontà di Dio. Solo lui lo sa. Noi non possiamo capirlo. Non possiamo comprendere perchè alcuni nascono in circostanze più o meno favorevoli, perchè alcuni si ammalano e altri no, perchè alcuni muoiono prima e altri dopo. Non possiamo comprendere ciò che succede dopo la morte, perchè ci è toccato vivere con questa famiglia e non in un’altra, perchè in questo mondo, perchè Dio permette che ci siano ingiustizie nel mondo etc”.

La risposta finale che ottenevo dalla scienza era più o meno questa: c’è una spiegazione fisica per tutto, però a livello filosofico le risposte a quasi tutto sono: “è frutto del caso” o ” non si può dimostrare scientificamente che tal cosa esista o no”. Per tanto non c’è una ragione per la quale tu esista, non c’è un motivo particolare per il quale vivere. Se nasci nelle circostanze in cui nasci, più o meno favorevoli, è per puro caso. Se ti tocca nascere sano o malato, nascere in una famiglia o in un’altra, morire prima o dopo, è per puro caso. Non si può dimostrare scientificamente che esista una vita prima della nascita, né una vita dopo la morte. Non si può dimostrate scientificamente che esista Dio, etc.

La maggior parte della gente si ripara in queste risposte apprese e quando vuoi affrontare con qualcuno questi argomenti, se sono credenti di qualche religione, ti rispondono più o meno in questi termini: “è la volontà di Dio. Solo lui lo sa. Noi non possiamo comprendere”. E coloro che prendono una posizione scientifica o che credono nella scienza, che sostengono di sapere di più rispetto a quelli del primo gruppo ti dicono: “è frutto della casualità” o “non può essere dimostrato scientificamente”.

C’era un terzo gruppo di gente che mi rispondeva: “senti, non lo so. Non so quali sono le risposte alle tue domande, però non sono interessato né a pormele né a risponderle”.

E se gli dico “mi dispiace però queste risposte non mi valgono. Non mi servono perchè non rispondono alle mie domande” i primi replicano: “è per mancanza di fede. Quando avrai fede non ti sarà necessario sapere di più”; i secondi mi dicono: “è perchè ti manca istruzione. La scienza ti darà la risposta e vedrai che è quella che dico io: che è dimostrato scientificamente che non si può dimostrare scientificamente”. I terzi mi dicono: “ho un mutuo da pagare, una famiglia da mantenere, una macchina da pagare, un fine settimana per viaggiare. Non rompermi le scatole con questi argomenti perchè ho già troppo di cui preoccuparmi”.

Ai primi risponderò che non posso rinunciare a provare a rispondere alle mie domande. Credo che l’unica maniera di rinunciarvi sarebbe annullare la mia volontà e non sono disposto a farlo. Ai secondi dirò che non è per mancanza d’istruzione. L’ho ricevuta, sono Dottore in Scienze Chimiche e mai e poi mai sono arrivato alla conclusione di dover porre limiti alla ricerca e che ci siano campi che non possano essere esplorati solo perchè non abbiamo uno strumento per misurarli. Tengo a me stesso, mi userò come strumento. Quello che io percepisco e sento lo terrò tanto in considerazione come se lo misurasse un sofisticato strumento ed assumerò che anche gli altri saranno considerati strumenti per se stessi. E se c’è qualcosa che non sono capace di captare col mio strumento, lo chiederò a coloro che abbiano potuto captarlo con i loro strumenti viventi per vedere se mi serve. Ai terzi non dirò nulla perchè non mi ascolteranno.

Conciò non voglio dire che non abbia trovato idee che mi abbiano colpito e mi siano servite nella mia ricerca di risposte, però le piste che ho trovato sono state piuttosto fuori dell’ufficialità. Precisamente quello che più m’interessava erano le esperienze delle altre persone ed i fatti che potessero essere esplorati da chiunque in prima persona, su se stesso. Se qualcun altro aveva potuto farlo prima di me, forse anch’io ci sarei riuscito. Due cose mi colpirono particolarmente, i viaggi astrali e la vita di un tale Gesù di Nazaret. Vi suona questo nome vero? Non mi riferisco a ciò che la chiesa dice di lui. Mi sono documentato molto, da molte fonti ufficiali e non ufficiali, religiose e laiche. Ci sono due evidenze in cui quasi tutte concordano: che quest’uomo esistette realmente e che ciò che disse e fece creò un grande impatto nell’umanità. Che cosa mi colpì? Fu il suo messaggio: “ama al tuo nemico, ama qualsiasi persona”. Non mi direte che in un mondo in cui tutte le persone e i popoli erano in costante lotta tra loro per qualsiasi motivo (quasi come adesso), dove gli dei di tutte le religioni si utilizzavano per giustificare un qualsiasi proposito di conquista e guerra, non colpisca che appaia qualcuno con quel messaggio così controcorrente. E non si fermava lì, compiva il suo messaggio con l’esempio. Non lo diceva tanto per dire, come siamo abituati con i nostri politici che ti promettono di tutto e di più e dopo fanno il contrario di quello che dicono. E’ stato scritto tantissimo di lui, dopo la sua morte, da gente diversa e che neanche gli visse vicino! Come si può sapere ciò che accadde realmente? Ciò che disse e ciò che non disse? Questo m’intrigava.

Lasciamo per ora da parte il tema di Gesù, visto che lo riprenderemo più avanti, e parlerò adesso dei viaggi astrali. Li trovai in vari libri di diversi autori. Affermavano che una persona attraverso alcune tecniche di rilassamento poteva separarsi dal proprio corpo. Questo è un viaggio astrale. Separarsi dal corpo. Incredibile, no? Non solo mi colpì il fatto stesso di potersi separare dal corpo ma che coloro che c’erano riusciti affermavano che in quello stato potevano realizzare cose straordinarie, come attraversare la materia o viaggiare quasi istantaneamente fino a dove il pensiero volesse. E non solo questo. Si trovavano come in uno stato dilatato di coscienza in cui comprendevano chiaramente lo scopo della vita e di quello che facciamo in questo mondo. Questa ultima cosa m’interessava, m’interessava molto. Forse era la chiave per trovare la risposta alle mie domande. Non avevo molto da perdere. Pensai: “il peggio che possa succedermi è che non succeda niente”. Quindi mi rimboccai le maniche. Tutte le notti, prima di andare a dormire praticavo esercizi di rilassamento. E così durante un mese, senza che succedesse niente, o meglio, senza che riuscissi a separarmi dal corpo. Però non è che non sentissi niente durante il rilassamento. Mi piaceva. Quello che abitualmente sentivo era una vibrazione nella pianta dei piedi che dopo saliva per le gambe fino al punto in cui non me le sentivo più. Un giorno quella vibrazione continuò a salire, più in su delle gambe, alla schiena, al collo, alla testa. Arrivato quel momento io non sentivo più il mio corpo. Solo una vibrazione molto intensa e gradevole. E quindi successe. Plaf ! di colpo sentì come se mi proiettassi rapidamente per un tunnel a grande velocità. Era una sensazione incredibile. Non ho parole per descriverla. Questione di secondi… e sentì come se avessi viaggiato migliaia di milioni di chilometri a una velocità vertiginosa, ma senza nessun tipo di nausea o malessere. Poco a poco la mia velocità fu diminuendo e potei vedere dove mi trovavo. Era un posto incredibile, sembrava un racconto di fantasia. C’era un lago circondato da una natura bellissima, indescrivibile a parole. Tutto, la luce, i colori, gli aromi, i suoni, tutto assolutamente tutto era inebriante. E io lo sentivo tanto intensamente come se ne formassi parte. Si respirava una pace indescrivibile. Ero talmente allucinato da quello che stavo vivendo e sentendo che non potevo fermarmi a pensare. Allora fu quando sentì che non ero solo. C’era qualcuno seduto su una pietra, vicino all’acqua. Mi volli avvicinare e, non so come, arrivai subito dove si trovava. Sembrava che in quello stato le cose potessero succedere con un solo pensiero. Sentì che lui mi stava aspettando e non si sorprese in assoluto al vedermi. Era un signore anziano, con i capelli e la barba lunghi e totalmente bianchi, ma non sembrava avere nessuno di quegli acciacchi tipici dell’età avanzata. Però non era questo che mi chiamava l’attenzione. Quello che mi colpiva era il suo sguardo, uno sguardo talmente meraviglioso che credo non ne vedrò uno uguale in questo mondo. Tanto dolce, tanto penetrante, tanto limpido che mi trasmetteva una sensazione di tranquillità e pace indescrivibili. Vi potrà sembrare strano ma mi sentivo come se quel anziano sconosciuto mi riempisse di amore con il suo sguardo, fino al punto che ero tanto al mio agio che non pensavo più a quanto fosse strana quella situazione. A partire da adesso cercherò di riprodurre il nostro dialogo, sia di quella prima volta che dei due successivi incontri che ebbi con quel anziano meraviglioso che rispondeva al nome di Isaia. Quei dialoghi che tanto mi hanno dato, che tanto mi hanno cambiato la vita, così profondamente e in meglio, molto meglio, li voglio condividere con voi con meno interruzioni possibili, perchè preferisco che sia dalle sue proprie parole, e non dalle mie interpretazioni o impressioni, che voi otteniate le vostre conclusioni personali.

Mettetevi comodi, inizia la funzione.

PRIMO CONTATTO

Fu lui che si diresse a me per primo. Mi prese le mani e mi invitò a sedermi con lui, faccia a faccia:

Benvenuto. Ti stavo aspettando.

Me? Se non ti conosco?

Io a te si. Però questo non è importante adesso.

Eh sono… dove sono? Come sono arrivato fino qui? Neanche questo è importante adesso. Lo saprai più avanti.

E tu chi sei?

Chiamami Isaia. E anche se tu adesso non ti ricordi di me, ci conosciamo da molto molto tempo.

E che relazione abbiamo avuto io e te?

Considerami il tuo fratello maggiore.

Non mi ricordo di averti mai conosciuto.

Questo non è importante adesso. Approfitta del tuo tempo per chiedere cose importanti. Non avevi domande?

Domande? Che domande?

Adesso non ti ricordi? Quelle domande profonde che ti poni da molto tempo e a cui non hai incontrato risposta.

E tu come lo sai?

Ti ho gia detto che ti conosco. Conosco bene la tua interiorità, per cui chiedi senza paura, qui sei totalmente libero.

Mi sento spaesato. Questo posto è così meraviglioso. Mi sento tanto bene qua! È così differente dal mondo normale! Mi sento in pace, tanto colmo di … non so come esprimerlo!

Tanto colmo di amore.

Non lo so … perchè non mi sono mai sentito così in vita mia. Però è meraviglioso.

Normale. È la tua prima volta, il tuo primo viaggio cosciente qui in questa vita. Ma per favore approfittiamo del tempo. Metti allo scoperto le tue domande più profonde.

Non so da dove iniziare. Molte volte mi sento vuoto, solo e incompreso, perchè mi succede questo?

Normale, succede a molta gente.

È perchè vivi in un mondo con molta povertà d’amore, dove le persone si voltano le spalle.

Ed è vero che uno può sentirsi solo nel mondo anche se ha molta gente intorno, perchè il sentimento di solitudine origina dal non sentirsi amato, dal non essere compreso. La maggior parte della gente del vostro mondo si è abituata a vivere così, senza sentire, in uno stato di solitudine interiore, con l’assenza d’amore vero. Credete che siete soli perchè ancora non avete preso coscienza che siete tutti fratelli, che condividete lo stesso destino e che avete bisogno l’uno dell’altro per poterlo compiere.

E qual è il destino comune che dobbiamo compiere?

La felicità vera, che si può raggiungere attraverso l’evoluzione nell’amore. L’amore è l’unica cosa che può colmare il vuoto interiore.

C’è qualcosa che ti turba specialmente?

La domanda fondamentale, che mi tormenta costantemente, è: perchè esisto? Perchè sono nato? Sono venuto a fare qualcosa? Perchè non so quello che sono venuto a fare?

Sei venuto per evolvere.

Cosa vuoi dire con evolvere? Evolvere in cosa?

Il processo di trasformazione dell’egoismo in amore è ciò che io chiamo evoluzione. Evolvere significa apprendere ad amare.

Mi parli di evoluzione nell’amore. Però non vedo amore in questo mondo. Perchè la sofferenza? Perchè viviamo in un mondo così ricco di contraddizioni, dalla cosa più bella alla più atroce e distruttiva?

L’odio, le guerre, la fame, la miseria e la sofferenza. Non riesco a capire che senso ha tutto questo. Ha alcun senso, e se lo cerco perchè non lo comprendo?

Si ha un senso, evolvere. Tutti quei disastri di cui parli hanno la stessa origine, l’assenza di amore, definiamola egoismo. Così come la somma dell’egoismo di ciascuna persona può rendere il mondo un autentico inferno, come succede oggi, allo stesso modo, quando l’egoismo si trasforma in amore, la somma dell’amore di ciascuna persona trasformerà il mondo in un paradiso. Dipende dalla vostra volontà la trasformazione interiore dall’egoismo all’amore e se raggiungete il cambio interiore allora ciò che vi circonda, il mondo intero, cambierà di conseguenza. Il mondo fisico in cui state adesso è lì per aiutarvi a sperimentare questo processo di trasformazione. Come l’argilla per un bambino che vuole imparare a modellare.

Continuo a non capire. Evoluzione con che fine, verso dove? Che senso ha tutto questo sforzo se in fin dei conti tutto si conclude con la morte?

L’evoluzione di ciascuno verso una maggiore capacità di amare, di sentire e di sapere verso maggiori quote di felicità non finirà mai, sennò non avrebbe senso.

E con ciò cosa vuoi dire?

Che l’essere non smette mai di esistere ovvero è immortale.

Come puoi affermare questo se ogni giorno osserviamo come muoiono migliaia, milioni di essere umani?

Ciò che muore è solo il mezzo che utilizza l’essere per manifestarsi nel piano fisico, cioè, il suo corpo fisico. La sua essenza e la sua coscienza, continuano esistendo.

Affermi perciò che esiste la vita dopo la morte?

Si. In realtà quello che voglio dire è che la morte non esiste e che ciò che si decompone è solo il mezzo che utilizza lo spirito per manifestarsi nel piano fisico.

E che cos’è lo spirito?

Lo spirito è l’essere che esiste, che vive e sente. Lo spirito è dove risiede la volontà e la coscienza individuale che non si distruggerà mai. Tu sei uno spirito. Tutti voi, umani, siete spiriti, solo che siete legati ad un corpo materiale durante alcuni periodi che definiremo reincarnazioni. Credete di essere il vostro corpo fisico ma quello è solo un vestito di cui avete bisogno per poter agire nel mondo materiale.

Vediamo se ho capito bene, lo spirito, cioè noi altri, possiamo esistere indipendentemente dal corpo?

Si, ed è ciò che succede dopo la morte. Lo spirito si separa completamente dal corpo fisico e continua ad esistere, vivendo.

E lo spirito non può morire?

No, lo spirito è immortale. Può evolvere, cambiare a meglio, oppure ristagnare, però mai distruggersi.

Già, però che prove abbiamo che esista la vita dopo la morte del corpo? Perchè, che io sappia, nessuno è ritornato a raccontarlo.

Mi dispiace contraddirti, ma questa affermazione non è assolutamente vera. Ci sono migliaia di testimonianze di persone dichiarate clinicamente morte e poi rianimate. Molte di loro ricordano di avere vissuto certe esperienze abbastanza forti e reali durante il periodo di tempo in cui erano fisicamente morte.

E queste esperienze che raccontano non possono essere frutto di un’allucinazione a causa dello stato critico in cui si trovavano? Deve essere quindi un’allucinazione collettiva in cui tutti si sono messi d’accordo per vedere la stessa cosa, perchè tutte queste persone stanno raccontando la stessa esperienza.

Bene, io a volte mi chiedo se la mia stessa esistenza non sia un’allucinazione.

Per allucinare è necessario esistere. C’è una massima di un pensatore del vostro mondo che dice: “penso, quindi esisto”. lo aggiungerei: “sento, quindi esisto”. Puoi dubitare dell’esistenza degli altri perchè non è un’esperienza tua. Però non si può dubitare di ciò che uno stesso sperimenta, la propria esistenza vissuta in prima persona. Colui che ha provato e sentito questa esperienza non dubita che sia reale.

E qual è questa supposta storia comune che si racconta?

La separazione dal corpo fisico e la visione del proprio corpo da fuori. La sensazione di viaggiare attraverso un tunnel oscuro alla fine del quale si vede una luce intensa. L’incontro con familiari ed amici anteriormente mancati. Un dialogo con un essere luminoso. La visione retrospettiva della propria vita… fino al punto di sperimentare un ritorno al corpo, con un conseguente cambiamento nei valori vitali e una nuova percezione del fenomeno della morte. Sono persone che smettono di avere paura di morire perchè hanno già sperimentato che la vita continua e che quello che viene dopo è molto meglio di quello che lasciano.

Bene, credo che siano pur sempre impressioni soggettive.

Analizzandole isolatamente e superficialmente risulterebbe molto facile screditare queste testimonianze. Però quando un fenomeno si ripete con delle caratteristiche così incredibilmente simili, indipendentemente dal paese, dalla cultura, dalle credenze previe, tanto in adulti quanto in bambini, allora credo che ci inviti almeno a che si faccia uno studio serio al riguardo. Esistono investigatori molto seri e riconosciuti nel vostro mondo che si sono dedicati a studiare coscienziosamente le esperienze di pre-morte e a raccogliere le testimonianze di queste persone, come ha fatto, tra molti altri, lo psichiatra e filosofo nordamericano Raymond Moody o il medico pediatra e ricercatore in neurologia Melvin Morse, che ha lavorato con bambini che hanno vissuto questo tipo d’esperienze. Ti consiglio di leggere i suoi libri “Vita oltre la vita” e “Più vicini alla luce”.

Mi sembra ancora una base poco consistente, quasi accidentale, per essere utilizzata come prova dell’esistenza di una vita dopo la morte. Percentualmente esistono pochi casi di morte clinica e rianimazione; sono molto di più coloro che muoiono e non ritornano. Esistono molte più testimonianze precisamente di persone moribonde che vivono il processo di separazione definitiva del corpo, che vuoi chiamate morte, perchè durante questo processo molte di loro affermano di vedere e di parlare con i propri cari deceduti o con altri esseri luminosi che li preparano per la transizione nell’aldilà. In quasi tutte le famiglie qualcuno ricorda una testimonianza di questo tipo, accaduta a qualche parente già deceduto. Però normalmente si crede che siano allucinazioni. Di nuovo sembra che quando si avvicini la morte tutti si mettano d’accordo per avere le identiche allucinazioni in diverse parti del mondo. Inoltre ci sono stati molti studiosi, come la prestigiosa psichiatra Elisabeth Kubler-Ross, che si sono dedicati a investigare seriamente questo tema. Ti invito a leggere il suo libro “La muerte un amanecer” . 1

1 Edizione in lingua spagnola, risultato di due conferenze dell’autrice ( “Leben und Sterben” del 1982, “There is no death” del 1977) e una registrazione ( “Life, death and life after death” del 1980)

Però tutti questi sono casi di persone che, anche se sono state vicine alla morte, sono fisicamente vive.

Esistono anche testimonianze di persone che contattarono con esseri non incarnati, più frequentemente con persone amate mancate di recente, che si congedano in sogni molto vividi o con apparizioni ai piedi del letto. Questo è un caso abbastanza frequente, anche se meno studiato dagli investigatori.

Ciò nonostante credo che dovrebbero esserci prove più solide, non solo limitate alla fase tra la vita e la morte.

Ci sono medium (persone sensibili) che hanno un contatto più frequente e durevole con il mondo spirituale.

Ciò mi risulta ancora più difficile da credere.

Non crederlo a priori, ma studialo, analizza i messaggi ricevuti perchè dalla qualità del messaggio conoscerai l’autore.

E come possiamo sapere che questa non sia una frode e che il presunto medium stia facendo finta di essere il defunto con cui si pensa di essere in contatto?

La frode è sempre possibile. Però così come l’esistenza di alcune persone che falsificano i soldi non implica che tutti i soldi siano falsi, così il fatto che alcune persone fingano di essere medium non comporta che tutti i medium siano impostori o approfittatori. La migliore garanzia contro la frode è che il medium sia una persona onesta nella sua vita quotidiana e che non utilizzi le sue facoltà con fini di lucro. Ci sono molte più persone di quelle che pensate con questo tipo di sensibilità, che si sviluppa fin dall’infanzia. Però a causa del rifiuto e dell’incomprensione che normalmente ricevono, tendono a reprimerla e i pochi che riescono a svilupparla convenientemente e a utilizzarla per il bene comune lo fanno discretamente, per non essere oggetto di burla e malevolenze che pregiudicano la propria vita quotidiana.

E perchè alcune persone sono medium e altre no? Da cosa dipende?

Dipende dal programma evolutivo di ciascuno spirito. È una circostanza, quella di essere medium, che si sceglie e si conosce prima di reincarnarsi e, quando la si utilizza correttamente, serve al possessore di questa facoltà ad avanzare più velocemente nella sua evoluzione, grazie all’aiuto che presta alle altre persone. Ha una relazione molto stretta con le azioni che lo spirito ha realizzato in altre vite.

Vuoi dire quindi che lo spirito esiste prima di nascere e che ha vissuto altre vite?

Esattamente. E nella vita fisica attuale le circostanze e prove che lo spirito affronta sono strettamente relazionate con le decisioni prese nelle vite fisiche passate e nel periodo tra le varie reincarnazioni, periodo non legato ad un corpo fisico.

E che prove abbiamo che esistano vite anteriori o una vita prima della nascita?

Ci sono testimonianze di persone che hanno ricordi di vite passate, che possono essere spontanee (soprattutto nei bambini) o indotte attraverso l’ipnosi regressiva. Esiste una bibliografia amplia a riguardo. Rispetto al ricordo nei bambini, ti raccomando di leggere il libro di Ian Stevenson, un medico psichiatra canadese, che si dedica allo studio di supposti casi di reincarnazioni in quei bambini piccoli che “ricordano” una “vita anteriore”. Attualmente sta studiando più di 2500 casi possibili di reincarnazione in tutto il mondo. Ha pubblicato più di 20 libri e diversi articoli in riviste specializzate di psicologia e psichiatria. Ti raccomando il suo libro “Reincarnazione: 20 casi a sostegno”.

E tutto questo non può essere frutto d’immaginazione?

Supponendo che esistano casi che possono essere frutto d’immaginazione o di qualche alterazione psichica o di altre ragioni, esistono molti altri in cui persone ricordano dettagli molto concreti della vita passata che sono stati storicamente dimostrati. Ricordano posti, fatti e nomi con molta precisione, molti dei quali vissuti in paesi in cui la persona non è mai stata nella sua vita attuale. I casi più impressionanti sono quelli che fanno riferimento a bambini piccoli che possono anche parlare spontaneamente in una lingua alla quale non sono mai stati esposti nella vita attuale, essendo questa lingua un ricordo di qualche vita passata. Normalmente sono bambini tra i due e i quattro anni che iniziano a parlare ai loro genitori o fratelli di un’esistenza vissuta in un altro posto e in un altro tempo. Il bambino sente di solito un’attrazione molto forte verso i fatti di quella vita e con frequenza prega i suoi genitori che lo lascino ritornare dalla precedente famiglia di appartenenza.

Mah, i bambini hanno molta immaginazione. E’ difficile dare credibilità a queste testimonianze.

Dunque, si tratta di un’immaginazione prodigiosa, poiché quello che “immaginano” si dimostra essere una realtà. D’altra parte, ci sono molti casi di persone adulte che ricordano vite anteriori quando sottoposte a regressioni ipnotiche.

E non può essere che quella supposta vita ricordata sia frutto dell’immaginazione, una suggestione della propria ipnosi?

Ti ripeto la stessa cosa. Anche se ammettiamo che ci sono casi che possono essere frutto dell’immaginazione o di qualsiasi altra ragione, ce ne sono molti altri in cui le persone ricordano dettagli molto concreti della vita passata e che sono stati storicamente dimostrati. Inoltre risulta interessante che molte persone, che non ammettono la esistenza della reincarnazione in quanto contraria alle sue credenze religiose, quando sono sottoposte a ipnosi regressiva ricordano fatti di vite passate. Ma tutto ciò necessita uno studio serio ed esauriente per poter dividere i casi di suggestione da quelli che sono un possibile ricordo di un’altra vita. Esistono molti studiosi seri che si sono dedicati ad esplorare la possibilità dell’esistenza di vite anteriori attraverso risposte ottenute da persone sottoposte a ipnosi regressiva, come la psicologa Helen Wambach, autrice del libro “Vita prima della vita”, lo psichiatra Brian Weiss e il suo libro “Molte vite, un’anima sola” o il suddetto Raymond Moody con il suo libro “Coming back”. Tutti quelli che hanno esplorato le risposte alle domande realizzate sotto ipnosi a migliaia di persone riguardo alle loro possibili vite prima della nascita hanno riconosciuto una serie di elementi comuni su queste esperienze e sono arrivati a conclusioni simili.

E quali sono queste conclusioni?

Che la vita fisica non è altro che un istante della vita reale, che non finisce mai. Che la morte del corpo non è la fine ma una tappa di transizione verso un’altra esistenza meno limitata. Che tutti noi ci riuniremo con gli esseri amati che passarono all’aldilà prima di noi e che li rincontreremo in reincarnazioni posteriori. Ci dicono che realmente esiste un progetto per ciascuno di noi, con lo scopo di farci crescere, tanto in saggezza, quanto in amore, basato sui nostri propri meriti, attraverso la sperimentazione sul piano fisico, con libertà.

Che le circostanze affrontate nel corso della vita non siano frutto del caso ma conseguenza di atti realizzati in vite anteriori. Che prima di nascere conosciamo già le prove a cui saremo sottoposti durante la vita e che ci prepariamo coscienziosamente per cercare di superarle con esito.

Non capisco come possano trarre queste conclusioni dal vissuto di altre vite fisiche se avevamo lo stesso livello di coscienza che in questa, cioè se eravamo tanto incoscienti della esistenza di vite passate come adesso.

Perchè molti di essi non solo ricordano i dettagli di vite passate ma anche il motivo per cui sono dovuti passare per certe vite e prove. Inoltre ricordano ciò che successe nei periodi tra le vite fisiche, in cui non erano ancora reincarnati. Ci sono studiosi che si sono dedicati a investigare specificamente quei ricordi di periodi compresi tra le reincarnazioni, come lo psicologo Michael Newton. Il dottor Newton si è specializzato in indurre stati ipnotici molto profondi in cui le persone ricordano lo spazio tra una vita e l’altra e le decisioni che lo hanno portato a reincarnarsi precisamente in un determinato tempo, con una determinata famiglia e sotto determinate circostanze. Ti raccomando il suo libro “Life between lives” e “Il viaggio dell’anima”.

E che tipo di prove e circostanze sono quelle che dobbiamo affrontare in questa vita e perchè?

Molte di queste prove consistono in sperimentare in noi stessi ciò che abbiamo fatto agli altri, nell’affrontare le conseguenze di situazioni che abbiamo provocato e grazie alle quali ci rendiamo coscienti della sofferenza o della felicità che queste azioni hanno avuto sugli altri. Ci sono prove di tutti tipi però generalmente hanno come obiettivo quello di liberarci dall’egoismo e di farci crescere nell’amore.

E’ necessario morire o vivere un’esperienza pre-morte per prendere coscienza che siamo uno spirito e non un corpo?

No. Di fatto tutti voi avete la capacità di separarvi temporaneamente dal vostro corpo e così succede in forma incosciente in una tappa del sonno. Però ci sono persone che sono capaci di indurre questa separazione in forma cosciente attraverso certe tecniche di rilassamento. I viaggi astrali provano che la coscienza non è legata al corpo.

Che cosa è un viaggio astrale?

È una separazione temporanea dal corpo. Però perchè fai domande di cui sai già la risposta? Noi sei per caso giunto qui con questo tipo d’esperienza?

lo stavo solo cercando di provare ciò che qualcuno ha descritto. Una cosa è la teoria e un’altra la pratica. Non mi aspettavo che succedesse qualcosa del genere!

Ma succede. Il tuo corpo non è qua, è disteso su tuo letto. Ma tu sei qui.

Vuoi dire che non solo possiamo vivere senza essere legati a un corpo ma anche che rimanendo fisicamente vivi possiamo entrare o uscire dal corpo senza che si produca la morte?

Esattamente

Che cos’è esattamente ciò che si separa?

Si separa lo spirito dal corpo fisico che, come ti ho già detto, è solo un rivestimento che si utilizza per poter attuare nel mondo fisico. Ciò nonostante questa separazione è solo temporanea ed esiste sempre un nesso tra i due che non si romperà mai e che permette il ritorno al corpo fisico senza che ci sia nessun tipo di problema di salute. Lo chiamano “cordone d’argento”.

Che cos’è il cordone d’argento?

E’ il punto d’unione tra il corpo astrale e quello fisico, come un cordone ombelicale che permette di apportare energia vitale al corpo fisico che la necessita per continuare con la vita in assenza del corpo astrale. I chiaroveggenti descrivono questo “cordone” come una specie di filo molto elastico di tono argentato ed estensibile fino al punto che per tanto che si separi il corpo astrale da quello fisico, il cordone resiste sempre a sufficienza e in altre parole si allunga fino a grandi distanze quando lo spirito si separa e viaggia lontano dal corpo fisico.

E dove va lo spirito quando si separa dal corpo?

Dove lo porta il suo pensiero, nel mondo astrale, attraverso un viaggio naturale che risponde ad una dinamica necessaria per lo sviluppo umano. Queste visite notturne procurano alla persona energie ed esperienze che la aiutano successivamente nella sua vita fisica, essendo assistita da entità spirituali più avanzate che la consigliano e la guidano. Se vuoi saperne di più ti consiglio di leggere il libro “La proiezione astrale” di Oliver Fox.

Corpo astrale? Mondo astrale? Entità spirituali? Mah! Aspetta un poco! Questo va troppo veloce per me.

Insomma, io cerco solo di rispondere a ciò che tu mi chiedi. Ma visto che stiamo saltando da una cosa all’altra non possiamo approfondire niente. Se ti va, quello che possiamo fare è interrompere la conversazione per il momento, perchè è già ora che ritorni al tuo corpo. Adesso hai già alcune cose su cui indagare per conto tuo e per rifletterci. Cerca i libri che ti ho consigliato e prova a leggerli. Ti serviranno come prova per credere nel fatto che tutto quello che hai vissuto non è una allucinazione della tua mente, ma una autentica realtà.

Non so se mi ricorderò di tutto…

Non preoccuparti, se ci metti volontà ricorderai il necessario per trovarli. Raccogli le nuove domande che ti sorgeranno in questo periodo per poi riformularmele nelle prossime occasioni in cui ci vedremo, sempre che tu lo voglia.

Quando ci rivedremo?

Dipende da te. Dipende se vuoi continuare ad approfondire gli argomenti che abbiamo cominciato ad avvicinare solo superficialmente o se preferisci restare come sei.

Man mano che stiamo parlando mi sorgono nuove domande, rispetto all’evoluzione, all’immortalità dello spirito e molto altro.

Risparmiale per le prossime occasioni. Quello che possiamo fare è trattare le domande per temi anche se come vedrai è quasi impossibile approfondire un aspetto senza necessariamente sconfinare in un altro tema. Anche le risposte suggeriscono nuove domande che richiederanno ulteriori spiegazioni.

Però devi comprendere che per il momento io mantenga una posizione di scetticismo rispetto a ciò che mi racconti.

Lo comprendo. So che la tua ricerca di risposte è sincera e che sei aperto ad ascoltare, altrimenti non sarei qui con te. Sento che hai ascoltato attentamente e che hai bisogno del tuo tempo per meditare su quello di cui abbiamo parlato. Questo è sufficiente per me. A presto fratello.

Addio Isaia.

E quasi senza che mi desse tempo di congedarmi sentì un forte strattone e , con la stessa velocità con cui ero stato catapultato fuori, sentì come se mi lanciassi in caduta libera alla velocità della luce fino a precipitarmi sopra il mio corpo. Il ritorno al corpo fu molto duro. Che differenza con la leggerezza di quando stavo fuori dal corpo, con la dolce e serena vibrazione che sentì in quel posto da sogno! Sentì freddo. Mi girava la testa, avevo nausea e pesantezza, come se stessi indossando un vestito di piombo di cento chili. All’inizio non potevo muovermi ne parlare. Fu allora che iniziai ad avere coscienza di ciò che mi era successo. L’esperienza mi aveva colpito. Piansi dall’emozione. Quella era stata l’esperienza più straordinaria della mia vita. Durante i mesi successivi cercai di ritornare alla normalità. Però per tanto che ci provassi non potevo osservare le cose con lo stesso punto di vista. Quasi tutto mi sembrava banale. Le preoccupazioni quotidiane, il lavoro. Molte volte rimanevo come assente, senza ascoltare, senza vedere ciò che mi circondava, pensando a quell’esperienza. Desideravo raccontarlo alla gente, ai familiari o a qualche amico, però il buon senso mi diceva di risparmiarmi lo sforzo, poiché non lo avrebbero compreso e mi avrebbero dato per matto. Mi sentivo un estraneo, come se fossi un extraterrestre. Mi chiedevo quante persone lo avessero sperimentato. Con il tempo iniziarono a sorgermi dubbi: e se fosse stata solo un’allucinazione, un frutto della mia immaginazione? Per cercare di scacciarli ricordai una cosa che mi disse Isaia: “cerca i libri che ti ho consigliato e leggili ti serviranno come prova per credere che tutto ciò che hai vissuto non è una allucinazione della tua mente”. Iniziai a cercare su internet i libri, però non potevo ricordare gli autori e i titoli, ma in compenso ricordavo parole e nomi pronunciati durante la conversazione. Cercai su google “reincarnazione, vite passate, vita dopo la morte” e iniziarono a presentarsi nomi d’autori e titoli, tra i quali riconobbi quelli che mi menzionò Isaia. Li studiai al dettaglio, confermando punto a punto ciò che lui mi disse. Se quella era stata un’allucinazione, era realmente molto precisa.

Ebbi di nuovo voglia di rincontrarmi con Isaia, che mi riconfortasse con il suo dolce sguardo. Di sentirmi di nuovo in pace. I libri mi avevano aiutato a sapere che c’erano altre persone che cercavano di rispondere alle mie stesse domande e che loro avevano intrapreso un cammino per cercare le risposte. Ma mi generarono anche ulteriori domande che appuntavo in una agenda e ripassavo mentalmente ogni tanto per non dimenticarle nel caso in cui avessi avuto la opportunità di rivedere Isaia. Anche se mi risultava difficile riconoscerlo, avevo bisogno che Isaia continuasse a darmi spiegazioni, a risolvere i miei dubbi, perchè quel anziano giovane aveva fatto in modo che per la prima volta una risposta mi colpisse così profondamente. Inoltre mi faceva sentire così bene, così amato! Continuavo ad essere scettico, però qualcosa dentro di me mi diceva che stavo intraprendendo il cammino giusto. Per questo rincominciai con gli esercizi di rilassamento con la speranza di ritornare a contattare Isaia. E riuscii di nuovo ad uscire dal corpo. Stavolta non ebbi bisogno molti sforzi. Con solo cinque sessioni ne fui capace. Stavo rivivendo le stesse sensazioni, lo stesso viaggio. E lì c’era lui, aspettandomi di nuovo, con il suo sorriso e lo sguardo dolce della prima volta.

DIO

Ciao fratellino! Alla buonora! Sono invecchiato aspettandoti! Guarda come mi sono incanutito!

Come? Però se avevi già i capelli bianchi l’altra volta!

Tranquillo non offenderti, era uno scherzo! Pensavi che quassù non avessimo senso dell’umorismo? Bene. Come ti è andato il ritorno al mondo? Ti sono mancato?

Beh, si. Avevo molta voglia di vederti, di stare qua di nuovo, in questo stato di pace. Ho trovato i libri che mi hai detto e li ho letti. Mi hanno aiutato però ho ancora molti dubbi.

Questo mi rallegra. Avanti, spara. Parla liberamente.

Non so ancora se crederci, però a seconda di ciò che dici sull’evoluzione dello spirito e dalle cose che ho potuto dedurre dai libri, dovrebbe esistere una specie di progetto organizzato abbastanza complesso.

Così è. Un progetto che comprende tutti gli esseri della Creazione e tutto ciò che esiste. Comunque per ogni spirito esiste un programma concreto di evoluzione, perchè ogni essere della Creazione è amato ed è destinato ad essere felice. In questo disegno di evoluzione personale partecipano moltissimi esseri con diversi gradi di evoluzione, che aiutano ogni spirito a percorrere il suo cammino.

Con ciò cosa intendi dire?

Mah, che avete una famiglia spirituale. Ciascuno di voi è amato da una moltitudine di esseri spirituali. Iniziando da Dio, continuando con la vostra guida spirituale, che non vi abbandona mai, e da un altro grande numero di spiriti. E se questo ti sembrasse poco, ciascuno di voi possiede un’anima gemella, la vostra metà, uno spirito perfettamente affine a voi stessi, un compagno perfetto grazie al quale iniziate a sentire ciò che si può definire l’amore vero. Di questi spiriti, qualcuno può essere reincarnato allo steso tempo che voi e possono formare parte della vostra famiglia carnale o essere semplicemente persone amiche.

E come si può spiegare che se uno è tanto amato molte volte si senta così solo?

Perchè vivete sconnessi dal mondo spirituale, ignorando la vostra connessione con altri esseri che vi sono affini, tanto con coloro che sono reincarnati contemporaneamente a voi, tanto con quelli che vi aiutano dal mondo spirituale, siete incoscienti della vostra missione sulla Terra, perchè siete così occupati a vedere solo ciò che i vostri sensi vi permettono di vedere e ciò che la vostra mente vi dice, e siete così lontani da ciò che potete percepire con i sentimenti. Dovete tenere in conto una cosa, che anche se vi sentite soli nel mondo fisico non siete mai soli per quanto riguarda il mondo spirituale. A ciascuno tocca scoprire questa connessione, quella porta sottile oltre cui si trova la vostra autentica vita, una porta che solo la chiave dei sentimenti può aprire. Chiedete con sincerità e sarete aiutati a sviluppare la vostra sensibilità e sarete riconfortati dalle vostre pene. Però sarà necessario che vi togliate la vostra corazza antiamore per poter sentire tutto ciò. Perchè il desiderio di colui che vuole rimanere solo e isolato dal mondo sarà rispettato.

Bene, visto che hai menzionato Dio, io nutro seri dubbi sul fatto che esista un Dio. Per caso qualcuno lo ha visto?

Forse non hai visto la sua opera? L’Universo, la vita, tu stesso. Dio non può essere più vicino a te di come già lo sia. Però al contempo non ti obbliga a riconoscerlo o ad aprirti a lui. È necessario che sia tu a volerlo sentire, percepire. Però se ti aspetti di vedere qualcuno come te, della tua dimensione, con occhi, faccia, braccia e gambe, allora non lo riconoscerai mai perchè Dio è molto di più. È come se una cellula del tuo corpo si chiedesse: “dov’è il corpo a cui appartengo, e per quale motivo non lo vedo?”. Tu sei dentro de lui, cellula. “però se l’unica cosa che vedo sono cellule, cellule e ancora cellule come me dappertutto!”. Allora studia la tua propria natura, il tuo proprio funzionamento e le relazioni che stringi con le altre cellule, e come si organizzano tanto meravigliosamente per formare un insieme; quindi osserva ciò che forma quel insieme. Allora, cellula, potrai conoscere e riconoscere il corpo di cui fai parte.

Dove possiamo quindi trovare le prove dell’esistenza di Dio?

Come per la cellula di cui ti ho parlato, prima cerca nella tua propria esistenza e poi en tutto ciò che ti circonda. Quale può essere l’origine di un essere che sente e pensa, cosciente della sua propria esistenza? E quella di un Universo così perfettamente orchestrato? Non può venire dal niente, perchè il niente non può creare qualcosa di così complesso e bello al contempo. E chi potrebbe sostenere che una così bella sinfonia possa essere composta toccando a caso i tasti di un pianoforte? Quindi allo stesso modo una cosa così bella e complessa come l’Universo, la Vita, l’Essere Umano non possono essere frutto della casualità, ma della causalità.

Però perchè deve essere Dio colui che ha creato il tutto? Forse non c’è nessun potere in Natura in grado di creare?

Esatto. Ma da dove credi che venga il potere di creare che ha la Natura? Da dove procedono le leggi che reggono l’Universo? Riconoscete che nella Natura e nell’Universo esistono un potere di creare e delle leggi, le leggi della fisica, della chimica e della biologia che lo organizzano e lo ordinano in modo che gli scienziati quando scoprono qualche fenomeno sconosciuto non lo attribuiscano al nulla, ma cerchino di trovare la causa che lo ha provocato. Diciamo che voi nel vostro giorno a giorno ammettete che una delle leggi dell’Universo è che non esiste nessun effetto senza una causa. Però nel momento di rispondere alla domanda su quale sia l’origine dell’Universo, ovvero sulla causa primordiale, voi stessi, negando la legge di causa-effetto che accettate sempre come valida, non avete nessun problema ad ammettere che fu un effetto senza causa, o meglio, che si originò dal nulla. Questo si che è un controsenso! Per questo deve esistere una prima causa di tutto, e questa è Dio.

Scusa la insistenza, però perchè deve essere necessariamente Dio colui che ha creato il tutto? Forse noi uomini non siamo in grado di creare cose belle e complesse? Per esempio la musica, i computer…

Certo, perchè anche voi avete il potere di creare. Però questo potere da dove originerà? Nell’Universo esistono molti esseri in diversi stadi d’evoluzione, con una capacità di creare maggiore o minore della vostra a seconda del loro livello di sviluppo. Però dobbiamo ammettere che, se anche essi ebbero un principio, per la legge di causa ed effetto, dovettero essere creati da qualche processo anteriore, e che in realtà il potere creativo che avete voi esseri creati si può esercitare solo su qualcosa che è già stato creato, seguendo delle leggi già esistenti. Per tanto arriviamo ad un punto in cui è necessario trovare un principio creatore che non sia stato creato, che sia sempre esistito, che sempre esisterà e che abbia stabilito le leggi e i principi di tutto ciò che esiste: questo è Dio.

Bene, ammettiamo solo come remota possibilità che Dio possa esistere; in questo ipotetico caso avrei la curiosità di sapere chi è e com’è fatto questo supposto Dio, tanto fuggevole che non si lascia vedere a prima vista.

E’ dall’opera che riconoscerai l’autore. Conosci te stesso, il mondo che ti circonda e allora inizierai a conoscere Dio. Visto che nelle creature sono presenti le potenzialità del creatore, se immagini tutte le buone qualità umane elevate al livello più perfetto possibile, allora è come se stessi iniziando a dipingere un bozzetto della figura di Dio, che, seppur imperfetto, sarà l’idea più avanzata che tu possa avere di lui, vista la tua capacità attuale. C’è un proverbio molto antico che alla domanda “com’è Dio?” risponde “come te quando sarai arrivato fino lui”.

Quali sono queste qualità?

Amore, saggezza, giustizia, verità, umiltà, generosità, sincerità, sensibilità, comprensione, compassione…

Esistono delle qualità di Dio che non possiamo possedere?

Si: il Creatore è immutabile, onnipotente, non creato visto che è sempre esistito. La sua creatura anche se non ha una fine ha un principio. E’ mutabile, visto che è in costante perfezionamento e anche se la sua capacità di progresso non ha limiti, perchè aumenta costantemente, non è infinita.

E se quel essere è così perfetto, perchè permette che esista il male nel mondo?

Lui permette che le sue creature sperimentino liberamente e che apprendano dai loro errori. Il male del mondo non origina da Dio, ma dalle creature nel loro processo di evoluzione e che, a causa dello scarso conoscimento delle leggi spirituali, agiscono contro altri esseri della creazione.

Beh, allora dovrei spiegarmi bene queste leggi, perchè dubito molto che possano esaurire la grande quantità di domande che mi sorgono e a cui non ho ancora trovato una risposta soddisfacente. E inoltre nel mondo in cui viviamo ci sono molte cose che non capisco e che mi sembrano tremendamente ingiuste.

Sarà un piacere… preparati perchè avremo molto di cui parlare.

Pagina web ufficiale del libro: http://leleggispirituali.blogspot.com

Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *